foto da Venosa Piccola Città

Con la consapevolezza che un’emergenza è un momento di difficile gestione, riteniamo opportuno sottolineare alcune evidenti lacune che non possono essere giustificate o taciute per rispetto della verità e delle persone (lavoratori e pazienti) che subiscono scelte a dir poco incomprensibili.

Abbiamo sempre affermato con forza di essere concordi nell’utilizzo del nosocomio di Venosa per l’improvvisa pandemia che ha colpito tutti noi, e quindi dare il giusto contributo rispetto alle esigenze contingenti.

Questa accondiscendenza verso le scelte della Regione Basilicata non può però prescindere da un coinvolgimento dovuto al territorio.

Ad oggi sappiano poco o nulla di quello che succede all’interno del nostro ospedale e, le poche notizie, ci vengono riportate da sigle sindacali preoccupate o da pazienti impauriti. Il nosocomio va si utilizzato, qualora ce ne fosse bisogno, per fronteggiare l’emergenza, ma va fatto in sicurezza. La struttura è in grado tecnicamente di ospitare un reparto di malattie infettive? La normativa in materia di requisiti strutturali è ben chiara ed impone caratteristiche tecniche vincolanti.

Tutto questo è decisamente inaccettabile.

A questo punto non possiamo limitarci a chiedere chiarimenti sulla situazione relativa all’emergenza, ma chiediamo, decisi, che ci venga comunicato quello che si intende fare dopo che tale emergenza sarà finita.

  1. L’apertura di ben due ospedali da campo a Potenza e Policoro cambiano le sorti del nosocomio venosino?
  2. Cosa prevede il nuovo piano sanitario regionale?
  3. Quale sarà il ruolo del presidio di Venosa?
  4. Come si intende ridistribuire il servizio nella intera Regione?

Sono tutte domande che necessitano di esaustive risposte e che, in qualche modo, possano placare le paure di una totale chiusura del nostro Ospedale.

“Un politico guarda alle prossime elezioni; uno statista guarda alla prossima generazione. Un politico pensa al successo del suo partito; lo statista a quello del suo Paese” (James Freeman Clarke)

Notizie correlate

Rispondi