Smart-city: una città a misura di studente, è un nuovo progetto studiato con gli studenti, per gli studenti.

Le smart-city sono le “città intelligenti”, rappresentano l’evoluzione delle nostre città e riescono ad offrire maggiori servizi con una particolare attenzione all’ambiente, alla salute, alla persona e al progresso tecnologico.

Il processo di transizione da città non smart a città smart dev’essere graduale con modalità “step by step” per ottimizzare al meglio le azioni messe in campo dalle amministrazioni.

Una città a misura di studente è una città intelligente.

A Venosa l’amministrazione comunale deve mettere in campo le misure necessarie per migliorare la vita degli studenti e per prepararsi all’apertura delle “Aule di alta formazione” del progetto “Convento San Domenico”.

Alcuni provvedimenti necessari che possono essere messi in atto dal comune di Venosa sono:

1. Modifica orari biblioteca comunale:

La Biblioteca comunale è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle ore 13:30 e il martedì e il giovedì dalle 16:00 alle 18:00;

L’apertura della Biblioteca Comunale in queste fasce orarie non consente agli studenti di usufruirne. Proponiamo la modifica degli orari di apertura estendendo la fascia oraria pomeridiana a tutti i giorni feriali per almeno tre ore.

2. Allestimento locali pubblici per gruppi di studio e coworking:

La Biblioteca Comunale rimane l’unico spazio pubblico che consente agli studenti di riunirsi per studiare insieme. Specificate già le difficoltà di accesso del punto 1, va considerato che la Biblioteca rimane un luogo silenzioso quindi non utile ai lavori di gruppo per gli studenti. La nostra proposta è quella di allestire delle aule/studi pubblici accessibili dagli studenti che hanno la necessità di studiare in collettività o di fare attività didattica di gruppo (es. progetti, ricerche ecc…).

Detti locali devono essere muniti di connessione internet e eventualmente possono essere affittati a prezzi vantaggiosi per i lavoratori o i singoli che abbiano bisogno di locali per coworking.

Inoltre proponiamo di rivalutare l’area Boschetto S. Felice provvedendo alla riparazione delle panchine e dei tavoli, dotando l’area di una connessione Wi-Fi stabile e di un distributore di acqua per consentire agli studenti di studiare all’aperto.

3. Modifica orario trasporto pubblico:

Gli attuali orari del servizio di trasporto urbano non consentono agli studenti di usufruire a pieno del servizio per via dell’incongruenza fra orari della circolare e orari di ingresso/uscita da scuola e di arrivo/partenza dalle fermate dei bus. Proponiamo di modificare gli orari della circolare urbana per rispondere meglio alle esigenze degli studenti.

4. Installare macchine “mangia bottiglie” per l’acquisto di ticket spendibili in vario modo:

Già in molti comuni sono state installante delle macchine “Mangia bottiglie”. Questi dispositivi non sono altro che raccoglitori di bottiglie di plastica, la loro particolarità sta nel rilasciare un ticket per ogni bottiglia riciclata. Alcuni comuni come Roma, Ancona e Torino hanno attribuito ai ticket erogati un valore di 5cent permettendo, tramite app. di cumularli e usarli per acquistare i biglietti del trasporto urbano. Proponiamo di installare questi dispositivi in prossimità delle fermate dei Bus per una mobilità “più” sostenibile, inoltre i ticket potrebbero essere cumulati anche per pagare la tassa di sosta dei parcheggi a pagamento.

Il percorso di transizione da città non intelligente a città intelligente necessita di una condizione fondamentale: “Politica Intelligente”.

Possiamo far parte di questo cambiamento, oppure possiamo rimanere felici nella nostra …. “non intelligenza”.

 

 

Notizie correlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *